ALLEVARE,
SALVARE E
PROTEGGERE:
I PROGETTI

SALVARE LE TARTARUGHE

SEA LIFE ha una lunga e comprovata esperienza nel salvataggio e nella riabilitazione di tartarughe marine ferite, malate e spiaggiate. Molti acquari SEA LIFE ospitano tartarughe salvate che non possono essere rimesse in mare mentre altri, come il SEA LIFE Grapevine in Texas, è specializzato nella riabilitazione e liberazione delle tartarughe, come nel caso di Flip, un cucciolo femmina di tartaruga di Kemp che è stato rimesso in mare nel 2012. 

Flip è stata ritrovata sulle spiagge dei Paesi Bassi nel dicembre del 2011, a oltre 5.000 miglia marine da casa, nel Golfo del Messico. E' stata trasportata nel SEA LIFE Scheveningen, in Olanda, dove è stata sottoposta a una lunga terapia di riabilitazione e ha poi intrapreso un viaggio in aereo fino in America, dove gli esperti del SEA LIFE Grapevine l'hanno portata al Port Aransas Animal Rehabilitation Keep. Dopo un approfondito controllo medico, Flip è stata liberata nel Golfo del Messico, esattamente un anno dopo il suo ritrovamento.

Il SEA LIFE Istanbul Aquarium, in Turchia, ospita il primo centro di riabilitazione delle tartarughe di mare gestito privatamente. Korikos, una tartaruga comune (Caretta caretta), è stato ritrovato con la testa e la mandibola fratturate nel Mar Mediterraneo, mentre Kilikya, una tartaruga verde marina, è stata tratta in salvo dopo essere rimasta impigliata nelle reti dei pescatori.

Entrambe sono state sottoposte a un intensivo trattamento di riabilitazione grazie al SEA LIFE Trust e prima di essere liberate sulle spiagge dove erano state trovate, è stato applicato loro un dispositivo satelittare. In questo modo è possibile monitorarle e ottenere maggiori informazioni sulla nidificazione, la schiusa delle uova e gli spostamenti delle Chelonia Mydas.